GDPR – Rilevazione della temperatura con utilizzo di termoscanner

Tutte le aziende hanno l’obbligo di adeguarsi con determinate misure di sicurezza anticontagio da COVID-19 per proteggere i propri dipendenti e persone esterne; bisogna però fare attenzione agli strumenti che si utilizzano.

Non dobbiamo pensare soltanto ad adottare le misure necessarie, ma dobbiamo anche e soprattutto pensare alle conseguenze che ne derivano, in primis il trattamento di dati personali e particolari delle persone fisiche.
Se l’azienda sceglie di utilizzare il termoscanner per la rilevazione della temperatura, deve verificare le caratteristiche dello strumento, e valutare come configurarlo.

Innanzi tutto deve:

  • decidere se utilizzarlo soltanto per i dipendenti, se utilizzarlo soltanto per gli esterni o per entrambi.
  • decidere se utilizzarlo soltanto per la rilevazione della temperatura, se utilizzarlo anche per la segnalazione della presenza o meno della mascherina, se utilizzarlo anche per memorizzare foto o videoregistrazioni di immagini.

In ogni caso è necessario effettuare una valutazione per capire quali rischi possono mettere in pericolo gli eventuali dati memorizzati;

Se viene utilizzato per la rilevazione della temperatura ai dipendenti con memorizzazione di foto o immagini è necessario richiedere l’autorizzazione alla Direzione Territoriale del Lavoro, prima di effettuarne l’installazione.

Conseguentemente è necessario aggiornare i documenti già esistenti (registro dei trattamenti, autorizzazioni se necessarie e valutazione d’impatto) e/o elaborare altri documenti necessari.

Susanna Solaroli | Consulente Privacy

Share